Runes of Magic

In Occidente, i giochi free to play sono solitamente visti come prodotti di bassa qualità, caratterizzati da funzionalità basiche destinate ad un pubblico giovane, o più semplicemente coreano, sottolineando un divario tra due tipi di culture: quella che accompagna la vendita degli oggetti di gioco per valuta reale, lo scambio di soldi veri (RMT) a quella abituata all’abbonamento mensile. Runes of Magic, tuttavia, sembra collegare il divario tra questi giochi e quelli già famosi in Occidente: infatti, anche se presenta il download gratuito è un gioco complesso, con tutte quelle caratteristiche che ci si aspetta di trovare in un MMO moderno.

Di fatto, il gioco, sviluppato dalla taiwanese Runewaker Entertainment e pubblicato dalla tedesca Frogster Interactive, è influenzato chiaramente da World of Warcraft, puntando con decisione anche al suo mercato. Ma i giocatori americani ed europei, abituati al comprare un gioco in scatola piuttosto che pagare a parte, come accoglieranno questo titolo free?

Quando entri in Runes of Magic per la prima volta, parti da Pioneers’ Colony, dove livellerai fino al 10, uccidendo funghi, lupi e orsi. Le skill di raccolta (minatore, falegname ed erborista) saranno avviate dai relativi trainer di zona. Se vuoi utilizzare una delle sei abilità di produzione del gioco (alchemy, armoursmithing, blacksmithing, carpentry, cooking e tailoring) dovrai affinare le tue abilità di raccolta per arrivare a dei risultati, benché in principio puoi seguire tutte le skill di produzione, livellarle è essenziale.

Esse richiedono tanto tempo e tanti materiali, infatti capiterà che non avrai voglia di aumentarle fino a livelli alti. Generalmente le ricette blu (quelle rare) non sono niente di speciale; quello che rende speciali gli equipaggiamenti di RoM è un piccolo oggetto, l’arcane transmutor.

Questo dispositivo è il cuore di Runes of Magic e allo stesso tempo un qualcosa che lo rende diverso dagli altri MMO. Ogni regione è caratterizzata dalle daily quest: completando queste missioni (massimo 10 al giorno) otterrai dei Phirius Tokens, che possono essere scambiati per cariche del transmutor (valgono anche come valuta per altri tipi di oggetti).Puoi anche comprare delle cariche con i Diamanti, i crediti pagati con soldi reali. Puoi usare il Transmutor per tirare fuori le statistiche dai vari equipaggiamenti, e per trasferirle su altri.

Ci sono anche dei gioielli che puoi comprare con i gold, ma per potenziare gli oggetti i migliori sono i Diamanti. E’ tutto un giro incredibile, che molti giocatori di MMORPG ameranno.

Il potenziamento e la modifica degli equipaggiamenti è uno dei maggiori punti di forza e guadagno di Runes of Magic, e mentre è solo interessante nei server normali, diventa potenzialmente indispensabile nei server PvP. La cultura PVP in Runes of Magic può sembrare un po’ scadente agli occhi di un giocatore di WoW o WAR, dove puoi scegliere la fazione con cui schierarti per prendere parte alla guerra in corso, potendo combattere i tuoi alleati solo in duello. Tuttavia, futuri sviluppo introdurranno in RoM il GvG (gilda contro gilda), dove i nemici di una gilda possono attaccare i castelli dell’altra.

Approfondiamo un po’ meglio il PvP: uccidendo i giocatori (nei server PvE ciò è permesso soltanto abilitando il flag PK) si potranno ottenere dei drop. E’ più duro di quanto si possa credere. Il PvP è più in linea con alcuni predecessori di WoW o altri rivali, come Ultima Online o Asheron’s Call: l’elemento di fondo è che se giochi su un server PvP sarai ucciso dagli altri giocatori, oppure puoi scegliere tu di farlo, decidendo di essere uno dei “buoni” o uno dei “cattivi”, attraverso i punti reputazione. Se vuoi essere il migliore nel PvP, dovrai investire molto tempo, fatica e soldi (sia virtuali che reali), aumentando il tuo equipaggiamento, il livello e i bonus delle statistiche, che faranno sicuramente la differenza.

Al contrario, se vuoi un’esperienza più casual, le uniche cose per cui potresti spendere soldi reali sono gli spazi per l’inventario e le monete. È corretto questo? È una domanda ricorrente, ma chiaramente, giocando di meno, pagando di meno e giocando hardcore, pagando di più ha una certa logica, comparabile al costo di un abbonamento mensile.

Molti giocano ai MMORPG per avere un’esperienza di gilda, esplorare nuovi mondi e per vivere nuove avventure. Le parti accessibili di Taborea probabilmente copriranno un’area leggermente più piccola di Kalimdor (WoW). Non è un piccolo spazio considerando, i 50 livelli di avventura, che offrono una variegata selezione di quest, regioni e instanze. Dopo le Pioneers Colony, ci sono le Bowling Mountains, poi Silverspring, dove è collocata la maestosa città di Varanas. Quest’ultima accoglie al suo interno amministratori, allenatori, mercanti ed anche una istanza, il dungeon di Malatina, basato su una griglia di mattonelle con spawn casuali.

In alternativa puoi dirigerti verso Sascilia Steppes (con l’abilità del teletrasporto). È una regione ben progettata, dove dovrai completare delle missioni livellando in senso antiorario intorno al nucleo centrale, The Scar of Despair.I progressi ti porteranno attraverso foreste, distese di neve e deserti (Dustdevil Canyon, dove è collocata Obsidian Stronghold, che ospita l’arena PVP e varie costruzioni).

Runes of Magic ha a disposizione anche un sistema duale. Al livello 10, visiterai Varanas, dove puoi scegliere la tua classe secondaria. Quando stai utilizzando la classe primaria, potrai utilizzare soltanto le abilità generali di quella secondaria, e viceversa. Puoi cambiare facilmente classe visitando la tua casa o parlando con un NPC administrator. Ogni volta che cambi tra primaria e secondaria, livellerai separatamente, ma una cosa è importante: la classe secondaria non può superare il livello di quella primaria, a prescindere da qualsiasi sia quella scelta al momento. Quindi, se cambierai la classe secondaria (di livello inferiore ad esempio) la primaria si abbasserà sino al livello di quest’ultima (un warrior 12 con rogue 1, se cambia in secondaria sarà un rogue 1 e warrior 1).

Il sistema di classe duale è un ibrido affascinante, ma ci sono alcuni problemi riguardo l’equipaggiamento: un warrior/rogue dovrà mantenere un equipaggiamento chain e leather, un knight-mage plate e cloth, per non parlare del dilemma di come investire i punti talento per una più efficiente build del personaggio. Nuovamente, alcuni giocatori ameranno fare questo tipo di scelte strategiche.

C’è anche il problema delle armi, e del diverso tipo di energie utilizzato dalle classi. I guerrieri utilizzano l’ira; gli scout usano il focus; i rogue usano l’energy; i maghi, i priest e i knight usano il mana. Una delle più popolari combinazioni è il mago/priest, perché utilizzano entrambi il mana e indossano vestiti cloth. Oh, e se diventi priest/mage, ti piacerà giocare come healer: in ogni MMORPG c’è sempre una classe per metà healer, e questa è quella di RoM.

Per essere un titolo free to play, Runes of Magic è impressionante. È qualcosa che lascia il segno: non riuscirà a sradicare il modello ad abbonamento mensile tanto afferamato in Occidente, ma dimostra che free to play non significa necessariamente rudimentale, economico o totalmente brutale nell’integrazione dell’RMT. Runes of Magic è un MMO di qualità indubbiamente ragionevole, e a dispetto dei suoi aspetti derivati, offre una grafica appropriata, classi affascinati e un mondo veramente coinvolgente.

 

 

http://tracking.affiliatetrading.net/aff_c?offer_id=9380&aff_id=5328

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>